di Dr.Ing. Eliano Battista Cominetti*

Nella mia biblioteca sono poste in bell’ordine tutte le mie agende, quasi a scandire il tempo percorso e a indicarmi una via su cui proseguire il cammino. Se le riguardo rivedo i giorni trascorsi, misuro i fatti accaduti e riconosco le paure che mi hanno spinto in questa o quella direzione e che oggi riconosco come tali.

A quelle paure sono debitore: sono state maestre di vita, consigliere. Mi hanno insegnato che la paura è una delle leve più importanti che influenza i nostri comportamenti. Compagni silenziosi del mio vivere e custodi dei pensieri e delle emozioni – questi diari – hanno accompagnato i piccoli passi di questo sentiero.
Nel 2010 scrivevo: «Oggi, ho avuto paura di… essere disapprovato».
Ripensandoci a volte accettavo richieste non ragionevoli pur di compiacere il cliente, per timore di perdere quella trattativa oppure perché mi mancava l’energia per dire no anche a me stesso. Proprio per questo a volte evitavo di affrontare le critiche per paura di essere giudicato.
Così è anche per noi: a volte accettiamo compromessi per non sembrare ingrati… a volte anche per opportunismo. Questa paura crea squilibrio nel nostro modo di relazionarci con il cliente e con noi stessi: non sappiamo mai quanto dare e quanto ricevere, ci rende incapaci di giungere a un pareggio con la nostra capacità di rifiutare o continuare a dare e/o ricevere. Ci ferisce sentirci disapprovati.
«Oggi, ho avuto paura di… offendere».
Animato da questa paura evitavo tutte quelle situazioni che percepivo potevano urtare le ragioni i sentimenti e la sensibilità degli altri. Subentrava, a volte, anche la paura di ricevere poi un rifiuto, di non essere ritenuto all’altezza della situazione. Queste emozioni ci fanno cadere nell’accettazione di richieste che in altre circostanze non avremmo tenuto in considerazione e nemmeno accettate, poiché consapevoli che fuoriuscivano dalla nostra autenticità.
«Oggi, ho avuto paura di… perdere qualcosa».

***

Questa è solo un’anteprima. Se vuoi continuare a leggere, ti aspettiamo sull’App: clicca qui!

[*Tratto dal libro dell’autore: I Signori rappresentanti si ricevono il martedì]

AAAgents

«Decisamente dalla parte degli agenti»

AndroidiOS

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *